Ascoltaci online

ascolta la nostra radio in streaming

La legge sui parchi nazionali oggi in aula alla Camera

Il WWF si “mobilita per difendere i Parchi nazionali nel giorno della presentazione in aula alla Camera di una legge che rischia di portare indietro di 40 anni il sistema di protezione della natura” e invita tutti a scrivere al deputato della propria circoscrizione. Lo annuncia in una nota la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che aggiunge: “la proposta di riforma che approda oggi in Aula alla Camera, dopo essere stata approvata al Senato, è una grande opportunità perduta: se il testo non verrà emendato ma licenziato frettolosamente, anziché rilanciare e rafforzare i Parchi italiani li indebolirà”.

“Il WWF – aggiunge Donatella Bianchi- si rivolge a tutti i deputati che da affronteranno in Aula la proposta di legge affinché accolgano una serie di modifiche sostanziali per modificare il testo che rischia di stravolgere il sistema delle Aree protette e di indebolire la Natura D’Italia”. Nonostante la Costituzione attribuisca allo Stato il compito di proteggere la natura, con la nuova legge, di fatto, le Aree protette passerebbero sotto la diretta influenza degli Enti territoriali, rischiando di essere ostaggio di logiche partitocratiche e localistiche.

“Oggi – rileva la presidente del WWF Italia – il Parlamento sembra incapace di ascoltare il mondo al di fuori del Palazzo mentre con la Legge Quadro del 1991 (la 394) si aprì al confronto con la società civile e la comunità scientifica. Ma c’è ancora una possibilità per correggere la rotta”. Per questo l’associazione ambientalista chiede anche a tutti coloro che sono contrari alla nuova legge di scrivere al deputato della propria circoscrizione invitandolo a intervenire “a difesa della natura”, e invita anche a fare un tweet con l’hashtag #sosnaturaditalia e con il testo “@lauraboldrini @PietroGrasso perché stravolgere la più importante legge italiana per la tutela della natura? #sosparchi con @WWFitalia”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA