Ascoltaci online

ascolta la nostra radio in streaming

Tra aree protette e mondanità soft, ecco le spiagge italiane da scegliere

Mare blu, spiagge incantevoli, calette silenziose. Ballare sotto le stelle in Sardegna. Tuffarsi dalle scogliere all’Elba. Nuotare tra le acque selvagge della Sicilia. Passeggiare tra le meraviglie di una riserva naturale. O farsi un bagno ai Caraibi nostrani, tra le acque del Salento. Per rilassarsi in coppia, divertirsi in famiglia o con gli amici, alla scoperta di angoli segreti da esplorare, oppure per perdersi tra i profumi della macchia mediterranea e la magia di isolette tutte da scoprire. Il portale di viaggi Skyscanner ha selezionato le 15 spiagge italiane più belle del 2017, quelle su cui puntare per i primi tuffi della bella stagione.

La Sicilia è al primo posto con un autentico paradiso: Tonnarella dell’Uzzo, nella famosa Riserva Naturale dello Zingaro. Immersa nella macchia mediterranea, si trova sul tratto di costa che corre da San Vito lo Capo a Castellammare del Golfo, sette chilometri di spiagge dorate, acque turchesi e vegetazione lussureggiante, una natura selvaggia affacciata sul mare più bello della regione. Tonnarella dell’Uzzo è il suo fiore all’occhiello, cala di sabbia bianca da raggiungere a piedi a cinque minuti di cammino dall’ingresso della Riserva.

La segue Cala dei Gabbiani, sulla Costa di Baunei, in Sardegna. Lontana ancora dal turismo di massa, questa splendida spiaggia permette di godere appieno dei tesori dell’isola. Chiamata così per la presenza dei gabbiani, è bagnata da acque basse e calde, cristalline e spiagge deserte e silenziose immerse nella natura incontaminata. Non è facile da raggiungere: ci si arriva solo via mare oppure a piedi percorrendo un impegnativo sentiero di trekking. Raggiungere Cala Feola, a Ponza, regina delle Isole Pontine laziali, è più semplice. Ma risparmiare fatica costa, preparatevi a veri bagni di folla, specie d’estate. Se riuscite a evitare il caos, però, lo spettacolo è da sogno: cale di sabbia bianca, piscine naturali e tutto il fascino dell’isola. La spiaggia si trova in località Le Forna, è raggiungibile sia a piedi partendo da Le Forna-Chiesa, attraverso un sentiero di circa 15 minuti, oppure in barca o in auto.

Torniamo in Sicilia per scoprire la quarta classificata, l’Area Marina Protetta del Plemmirio. L’Area Marina è il paradiso dei sub e degli appassionati di snorkeling, che qui possono immergersi tra le sue onde blu e avventurarsi nel ricco mondo sottomarino. Lo Sbocco 34 è uno dei tratti che più meritano una sosta, non solo per tuffarsi ma anche per rilassarsi una giornata la sole. La Campania poi è al quinto posto con la famosa Marina Grande di Positano. Mondana e piena di vita, è la più amata da star e turisti, grazie sia alla straordinaria scenografia naturale che da sempre incanta il jet set, sia alla fama della Costiera Amalfitana. Tra bagni di sole su terrazze in stile anni Sessanta e aperitivi al tramonto, passeggiate tra i vicoli colorati da casette variopinte e boutique, locali notturni e belvedere al sole, questo tratto di costa è uno dei più gettonati la mondo, protagonista di film e set fotografici. La spiaggia è fatta di calette circondate da scogliere alte e ripide, con sabbia scura e ciottoli, con vista sulle isole Li Galli. Da qui, si può prendere un barchino e partire per una gita alle isole delle Sirene, Gallo Lungo, Rotonda e Castelluccio, parte della Riserva Marina di Punta Campanella.

È ancora la Sicilia, stavolta con le Eolie, a posizionarsi al sesto posto della classifica, con la splendida Spiaggia di Capo Graziano, a Filicudi. Isola perfetta per una vacanza a tutto relax, lontani dalla frenesia della vita quotidiana, a Filicudi si vive una pausa dai ritmi slow, lontani dalla calca e immersi nella pace e nella natura. I colori e i profumi del posto fanno da cornice a uno degli angoli di mare più belli d’Italia, specie sulla lunga Spiaggia di Capo Graziano, la più amata dell’isola, una mezzaluna di ciottoli bianchi bagnata da acqua caraibica. Si trova nella parte meridionale, vicino Monte Graziano e il paesino omonimo, da cui parte il sentiero che porta fino al mare.

Tra le mete top dell’estate non può mancare il Salento. Pronto a superare il record dei due milioni turisti della scorsa estate, attira bagnanti con spiagge dorate e acque turchesi, come la sua Spiaggia di Torre Sant’Andrea, Melendugno, al settimo posto della classifica Skyscanner. Ma anche Punta della Suina o la Baia di Torre dell’Orso meritano, sono un invito al relax. Soprattutto al tramonto, per godersi un aperitivo al calar del sole e ballare sulla sabbia sulle note del deejay nei locali sulla spiaggia.

È una vera chicca, invece, Cala Cipolla, in Sardegna, una piccola lingua di sabbia bianca in stile tropicale, in località Domus de Maria. Circondata da profumata macchia mediterranea, la spiaggia ha acque verde smeraldo con fondali sabbiosi e scogli. Vale la pena passeggiare fino al Faro di Capo Spartivento per la vista sulla costa. Ci si arriva da Cagliari, percorrendo la SS 195 verso Chia.
Anche le Marche offrono avamposti per gli amanti della natura e del trekking. Come Fiorenzuola di Focara, caletta nel Parco del Monte San Bartolo. Con quasi due ettari di verde affacciati sul mare, il Parco offre una perfetta via di mezzo tra vacanza nella natura e vita di mare. Il tutto con i divertimenti di Pesaro e Gabicce Mare, piene di locali, ristoranti e negozi che animano la vita del litorale giorno e notte.
Torniamo in Puglia per la decima posizione, occupata dalla Baia di Punta Rossa, lungo la costa del Gargano, nel tratto che corre da Mattinata a Manfredonia. Questa costa è un vero gioiello, che offre scorci segreti e panorami da cartolina. Tante le calette da esplorare, tra le più belle c’è Baia di Punta Rossa: circondata da pini e acque caraibiche, la piccola spiaggia offre bagni di sole e di mare unici. Già che ci siete, fermatevi per un giro nel borgo di Monte Sant’Angelo, tra mare e montagna.

Buen retiro di pace e natura, con ben 147 chilometri di coste e 150 lidi, l’Elba è l’ideale per le famiglie. La spiaggia della Padulella a Portoferraio è una delle più frequentate. Gli amanti delle due ruote si sfidano tra le piste ciclabili chilometriche attraverso il territorio: essendo parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è un paradiso per gli ambientalisti, che scelgono i tanti campeggi per immergersi nella natura e dedicarsi ad attività come il birdwatching. Al trekking è dedicato un nuovo percorso costiero ispirato alla flora dell’isola: la “Via dell’Essenza”, un percorso di 127 chilometri in dodici tappe scandite dai profumi di pini e uliveti della macchia mediterranea.

In Calabria, invece, fermatevi nella zona di San Nicola Arcella, per una giornata di sole sulla Spiaggia dell’Arco Magno, nella provincia di Cosenza. Questa caletta si chiama così per via dell’arco scavato nella roccia che la sovrasta, e offre uno scenario unico. Il resto lo fa la natura, con l’acqua cristallina e la sabbia dorata. Ma anche l’Abruzzo offre scorci da non perdere, come la Spiaggia di Mottagrossa, nella Riserva Naturale di Punta Aderci, in provincia di Vasto. Tra dune, falesie e rocce che vanno dalla Spiaggia di Punta Penna alla foce del fiume Sinello, questo tratto di costa 10 chilometri a nord di Vasto, offre il mare più bello della zona. Lontana dal caos turistico, la spiaggia è selvaggia quanto basta per un break silenzioso rigenerante.

Spiagge da sogno e calette da cartolina sono il biglietto da visita del Golfo di Orosei, in Sardegna. Da sempre amata da giovani e famiglie, che la scelgono per le acque trasparenti e i lunghi litorali di sabbia bianca, questa costa è famosa in particolare per Cala Luna, scenografica spiaggia bianchissima circondata da una ripida scogliera che ripara dal vento e offre un fresco riparo dal sole tra le sue grotte. Si raggiunge via mare con barche private o battelli dal porto di Cala Gonone o dalla spiaggia di Marina di Orosei.

Quindi, la Liguria. Che non poteva mancare nella classifica delle spiagge più belle d’Italia, con la splendida Spiaggia di Paraggi, vicino Santa Margherita Ligure, sulla strada per Portofino. Sono tanti i motivi per visitarla, come Castello Brown, con il suo giardino mediterraneo pieno di fiori e profumi (il panorama è splendido), i vicoli e i carruggi del centro storico, ricchi di boutique di moda, la Piazzetta con i vari dehors dove fermarsi per un drink. Finite la giornata con una passeggiata al chiaro di luna sul molo, tra pescherecci e trattorie che profumano di mare.